• 3 febbraio 2015
CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI TEMI AMBIENTALI

Nel corso del 2014 Equality realizza una campagna sperimentale di sensibilizzazione sui temi ambientali rivolta alla cittadinanza, su incarico del Settore Ambiente Tutela del Territorio e Igiene del Comune di Vicenza. La campagna include:

  • un’azione sul tema della raccolta differenziata rivolta alla popolazione straniera residente in aree specifiche della periferia, dove ostacoli di natura linguistica e culturale non agevolano il passaggio di informazioni e la corretta resa dei rifiuti (in collaborazione con AIM-Valore Ambiente);

  • un’azione presso le famiglie disagiate, già beneficiarie di contributi economici necessari al pagamento delle utenze, per la promozione di comportamenti eco-sostenibili finalizzati alla riduzione degli sprechi domestici (in collaborazione con i Servizi Sociali territoriali);

  • un’azione simbolica denominata per incentivare i pendolari all’uso di mezzi pubblici nel tragitto da casa a lavoro (in collaborazione con il Settore Mobilità);

  • un’azione per la promozione di comportamenti civili nel rispetto dell’ambiente e degli altri, rivolta in particolare ai proprietari dei cani per la raccolta delle deiezioni dei loro animali;

  • un’azione deterrente per la riduzione della presenza dei piccioni in città, mediante un intervento sulle persone abitualmente dedite alla distribuzione del mangime, malgrado i divieti;

  • un’azione per la governance del fenomeno dello spritz (alta concentrazione di giovani nelle piazze dediti alla socializzazione e al consumo di alcool), rivolta agli esercenti e alla clientela in alcune aree del centro storico, per l’introduzione di accorgimenti finalizzati a tenere pulito l’ambiente.

La sperimentazione ha carattere innovativo in quanto si propone di affrontare alcune criticità inerenti i temi ambientali con strumenti e metodologie propri dell’intervento socio-educativo (mediazione dei conflitti), poiché i fattori che contribuiscono a generare queste criticità sono spesso riconducibili ad una diffusa noncuranza e indifferenza nei confronti delle regole di convivenza e in alcuni casi a situazioni soggettive di disagio e emarginazione.